13 gennaio: Annina tragicomica a Campagnano

Cosa: presentazione “Annina tragicomica” di Viviana Scarinci incontro condotto da Anna Maria Curci. Dove: Palazzo Venturi, Campagnano. Quando: a partire dalle ore 17,30. INGRESSO LIBERO.


JPG - Locandina 13 gennaio - Def

Locandina

Annina tragicomica di Viviana Scarinci (Formebrevi edizioni 2017) sarà presentata a Campagnano 13 gennaio 2018 alle ore 17,30, dalla curatrice dell’opera Anna Maria Curci presso la Sala conferenze Polo comunale di Palazzo Venturi… dopo L’Aquila, Caltanissetta e il Fondo Librario di Poesia di Morlupo continua il viaggio iniziatico di Annina …


IL LIBRO
annina-tragicomica-scarinci-3DDalla figura mitologica di Anna Perenna (ninfa o strega?) cui il titolo dell’opera si riferisce alle ambientazioni più disparate che i brani del libro tematizzano. Attraverso situazioni di ordinaria e straordinaria sopraffazione e subalternità, quello che si andrà ricostruendo è un itinerario che possa aiutare una migliore definizione della disparità tra persone al fine di contrastarla in primo luogo con lo strumento della consapevolezza. La tragicommedia è un tipo di componimento nel quale a vicende gravi e dolorose proprie della tragedia fanno contrasto spunti e procedimenti propri della commedia. Tale mescolanza genera spesso dei risultati sorprendenti sia dal punto di vista narrativo che da quello linguistico. Si inquadra in questa modalità Annina tragicomica, terzo libro di poesia di Viviana Scarinci autrice tanto poliedrica quanto anticonvenzionale.


L’AUTRICE
v2Viviana Scarinci è autrice di poesia con La favola di Lilith (Libro e CD con musiche originali di Edo Notarloberti per l’etichetta discografica ARK Records, selezionata per la partecipazione al Wave-Gotik-Treffen di Lipsia nel 2014), Piccole estensioni (Anterem, 2014) e Annina tragicomica (Formebrevi, 2017). Curatrice de L’isola di Kesselring (Apeiron, 2002) e dell’edizione italiana di Rakasta minut vahvaksi, Amami per rendermi forte della poetessa finlandese Aino Suhola (L’Iguana Editrice, 2013). Per la saggistica è autrice dell’ebook monografico Elena Ferrante (Doppiozero, 2014). Ha scritto tra gli altri per Nuovi Argomenti, Doppiozero, Il lavoro culturale, Nazione Indiana. Si occupa del fondo librario di poesia di Morlupo. E’ co-redattrice di Formebrevi Edizioni. Gestisce il Centro Culturale Libellula. Il suo sito è https://vivianascarinci.com/


L’EDITORE 
Formebrevi ha avviato un processo di valorizzazione della ricerca letteraria attraverso un’accurata selezione di opere inedite, facendo della qualità delle sue pubblicazioni il marchio distintivo di un progetto editoriale libero ed indipendente e con la pubblicazione di Annina tragicomica ha confermato l’originalità della ricerca che ispira le sue scelte http://www.formebrevi.it/

JPG - Invito 13 gennaio - Def

Invito


 

Annunci

Annina tragicomica a Campagnano 

Ieri 15 novembre presso il Comune di Campagnano è stata concordata la data della presentazione di Annina tragicomica, sala conferenze di Palazzo Venturi.

campagnano

Siamo lieti di annunciare che sabato 13 gennaio alle ore 17,30 presso la Sala Conferenze di Palazzo Venturi con il Patrocinio e l’organizzazione del Comune di Campagnano in collaborazione con il Fondo Librario di Poesia di Morlupo – Associazione Libellula e Formebrevi Editore avrà luogo la presentazione di Annina Tragicomica.

La curatrice dell’opera Anna Maria Curci e l’autrice Viviana Scarinci insieme all’Assessore alla Cultura del Comune di Campagnano Giovanna Mariani illustreranno i temi che il libro investe.

Dalla figura mitologica di Anna Perenna (ninfa o strega?) cui il titolo dell’opera si riferisce alle ambientazioni più disparate che i brani del libro tematizzano. Attraverso situazioni di ordinaria e straordinaria sopraffazione e subalternità, quello che si andrà ricostruendo è un percorso comune che possa aiutare una migliore definizione della disparità al fine di contrastarla in primo luogo con lo strumento della consapevolezza.


Vedi anche le altre presentazioni di Annina tragicomicaL’Aquila e Morlupo, Caltanissetta.

 

Poetarum Silva: Anna Maria Curci su Annina

Annina tragicomica. Ne scrive oggi la curatrice dell’opera Anna Maria Curci su Poetarum Silva ⇒ https://poetarumsilva.com/2017/09/28/viviana-scarinci-annina-tragicomica-2/

“Annina tragicomica. Il nome è fortemente evocativo, in più direzioni, dal significato originario dell’ebraico Hannah, che ha a vedere con la grazia, alla spontanea associazione con Anne, Annette, Nannine, Annie, Nannarelle, (…) Anna Perenna, la sorella di Didone, divenuta divinità proprio nella regione natia dell’autrice, quel Lazio nel quale Marziale, menzionato in quest’opera,collocava un luogo di culto). (…)
Annina tragicomica esplora e invita a esplorare altre modalità di accesso alla conoscenza. Indica subito in un aggettivo, «secondario», il punto di partenza e la meta alternativa. Nell’individuare questo angolo di visuale, Viviana Scarinci da un lato evidenzia espliciti richiami intertestuali in particolare alla sua opera Il significato secondo del bianco…(…)”

 

Annina tragicomica: immagini e suoni

Morlupo, Centro Culturale Libellula, 23 settembre

 


L’Aquila, Palazzo Fibbioni, 21 settembre

l3

l4

6l

L’Aquila tutte le informazioni sulla prima rassegna di Week End d’Autore a cura di Sonia Ciufettelli, Associazione “Le Muse Ritrovate” : http://www.aqbox.tv/notizie.php?view=10414

La prima giornata della rassegna: http://news-town.it/cultura-e-societa/17476-al-via-week-end-d-autore-,-la-rassegna-dedicata-ai-libri-il-programma-della-prima-giornata.html


 

23 settembre ore 17,00 Annina tragicomica da Libellula!

da Libellula settembre inizia con Annina!

Presentazione

Annina tragicomica

di Viviana Scarinci

Morlupo sabato 23 settembre ore 17,00
Centro Culturale Libellula
Via San Michele, 8

annina-tragicomica-scarinci-3DRELATRICI

Anna Maria Curci, curatrice dell’opera, germanista e poetessa
Paola Del Zoppo, ricercatrice, studiosa di letterature e culture comparate
Marta Paniccia, psicoterapeuta sistemico-relazionale, terapeuta familiare

con la partecipazione dell’editore Giovanni Duminuco via Skype


21 e 23


Con il mese di settembre 2017 si apre un ciclo di presentazioni dedicate a Annina tragicomica l’ultimo libro di Viviana Scarinci, edito dalla casa editrice Formebrevi.

La tragicommedia è un tipo di componimento nel quale a vicende gravi e dolorose proprie della tragedia fanno contrasto spunti e procedimenti propri della commedia. Tale mescolanza genera spesso dei risultati sorprendenti sia dal punto di vista narrativo che da quello linguistico. Si inquadra in questa modalità Annina tragicomica.

L’evento di giovedì 21 settembre all’Aquila è incluso nella rassegna il Weekend d’Autore (a cura di Sonia Ciuffetelli) che si terrà dal 21 al 24 settembre a Palazzo Fibbioni, evento che coinvolgerà scrittrici ed autori del panorama nazionale ed europeo in una quattro giorni in cui si alterneranno saggisti, narratori, poeti.

L’evento successivo previsto per sabato 23 settembre presso il Centro Libellula – Fondo Librario di poesia di Morlupo si avvale della presenza di tre specialiste Anna Maria Curci, Paola Del Zoppo e Marta Paniccia che insieme all’autrice contribuiranno a inquadrare i contenuti del libro. In questa occasione parteciperà via Skype anche Giovanni Duminuco, come editore del libro e in rappresentanza della stretta collaborazione che si è instaurata tra l’Associazione Culturale Formebrevi e l’Associazione Culturale Libellula.


IMG-20160719-WA0003

piccolissime e indipendenti produzioni editoriali

formebreviconcorso

di Viviana Scarinci

E’ prevista per aprile 2017 l’uscita di Annina tragicomica, edita dalla giovanissima editrice siciliana Formebrevi.

Si tratta di una storia suddivisa in settanta piccoli blocchi di testo con una prefazione di Anna Maria Curci. Formebrevi Edizioni è anche il motivo per cui ho deciso di pubblicare un testo anomalo come Annina ossia da non potersi dire appartenente a questo o a quel genere. L’editrice fondata da Giovanni Duminuco mi è apparsa, fin dal primo libro pubblicato nel 2016, come una no-eap in grado di fare scelte editoriali improntate alla ricerca letteraria programmatica ma non schierata.

La prima pubblicazione di Formebrevi, Le case dei venti contrari di Lia Maselli, infatti comunica l’entità di una scelta molto precisa rispetto alla propria linea editoriale: un’opera di una autrice esordiente nel genere del romanzo, ma così robusta da essere in grado di mantenere la prevalenza della propria cifra, sia sulle caratteristiche del genere in cui muove la sua narrazione, sia su possibili orientamenti tematici funzionali a una qualche sponsorizzazione, fosse anche variamente ideologica. La cosa mi ha sorpreso ma moderatamente. In tempi non sospetti ho conosciuto e apprezzato Dinamiche del disaccordo il libro di poesia d’esordio di Giovanni Duminuco edito nel 2013 da Anterem. Una raccolta poetica che già lasciava intravedere i possibili sviluppi di una ricerca letteraria in primo luogo praticata, più che alimentata nell’ambito di se stessa, attraverso la blanda teorizzazione della propria estetica.

Già in Dinamiche del disaccordo si intravedeva l’attitudine a una pratica di sistema che fa ossimoricamente della permeabilità all’anomalia, un tracciato sorprendente e perciò capace di rendere la propria unicità una comunicazione autentica e leggibile. E perciò senza la necessità di ricorrere a riferimenti già dati al fine di essere sostenuta da terzi.

Le pubblicazioni seguenti di Formebrevi da quella dello stesso Duminuco La ferita distorta dell’agire alla bellissima e dolente Della fine di Flavio Ermini, fino all’ultimo nato: In male aperto di Fabrizio Strada, non hanno fatto che confermare una propensione naturale di Formebrevi alla poiesis ossia un “fare dal nulla” che trova coerenza e concretezza nel diversificare i propri orientamenti originari.

Per questi motivi, la mia Annina tragicomica, per mantenersi integra nella sua anomalia, poteva trovare la sua collocazione naturale nell’ambito di queste pubblicazioni.

Così come ha trovato terreno l’ipotesi di collaborazione, nel senso di piccolissima e indipendente produzione editoriale, tra il Fondo Librario di Morlupo che rappresento e Formebrevi rappresentata da Giovanni Duminuco la cui fattività degli sviluppi, speriamo, si vedrà da qui a breve.

Diramazioni urbane venerdì 20 gennaio ore 17 a Roma

I began as a poet when my roots were crossed with my reading S. H.

Con agli amici romani ci vediamo nell’ambito di quest’altra gradita occasione. Ci saremo tutti: gli altri autori di Diramazioni urbane,  la curatrice Anna Maria Curci e l’editore Vincenzo Luciani venerdì 20 gennaio alle 17  via G. Arcangeli 21 Centocelle, sede Planet onlus.

PROGRAMMA

  • Introducono Anna Maria Curci e Vincenzo Luciani (Edizioni Cofine)
  • Incontro con gli autori del libro e reading: Fernando Della Posta, Davide Cortese, Michela Zanarella, Viviana Scarinci e Michele Ortore

dall’introduzione del libro

Diramazioni urbane è il titolo che raccoglie testi inediti di cinque poeti nati tra il 1973 e il 1987. Continua a leggere