Nasce ARTIFICIO e noi lo LINKIAMO!

Nasce ARTIFICIO il blog di Maria D’Ambrosio per NÒVA de Il sole 24 ore: “Dove l’arte incontra la scienza. L’umanesimo la tecnologia. Il lavoro, l’impresa e il territorio. E produce innovazione, bellezza, sviluppo.

Ci fa molto piacere linkare sul sito del Centro Libellula, inserendolo tra gli AMICI, il nuovo blog ARTIFICIO che Maria D’Ambrosio gestisce su NÒVA de Il sole 24 ore. Le premesse e le affinità sono entusiasmanti. E come scrive, riguardo l’apertura del progetto Zer0Magazine 2018 di domani la stessa Maria in condivisione nella sua pagina facebook “… iniziative editoriali di r-esistenza e progettualità dicono di un mondo in movimento, in azione, verso la Bellezza!!!”. È questo indubbiamente che unisce le persone sulla base di un altro modo di fare cultura a partire dai legami autentici  e dalle reti sociali reali. L’autrice del blog dando inizio a questa nuova avventura descrive il suo luogo virtuale come uno spazio vero: “per condividere narrazioni, idee, progetti e mostrarti la bellezza che incontro nel mio girovagare – nelle persone, nelle cose e nelle loro relazioni – alla ricerca di artifici e artefici dal potere seduttivo e generativo”. E allora 100 di questi inizi e prosecuzioni Maria! Noi ti leggiamo!

Annunci

Libellula newsletter dicembre 2017

Quest’anno compiamo cinque anni! E il progetto Zer0Magazine, per il secondo anno di seguito, testimonia la nostra vocazione inclusiva e interlocutoria rispetto alla comunità reale e virtuale che ci segue e ci ha sostenuto anno dopo anno attraverso svariate forme di partecipazione. Infatti grazie al contributo del Comune di Morlupo, il sostegno dei commercianti di zona e la nostra stretta collaborazione con l’editore siciliano Formebrevi, siamo in grado di editare ancora una volta (e non era detto) una pubblicazione aperiodica come Zer0Magazine, volta soprattutto ad essere espressione di un crescente numero di soggetti attraverso il coinvolgimento della scuola, del Fondo Librario di Poesia e dei nostri soci ospiti e sostenitori


WhatsApp Image 2017-11-22 at 5.58.22 PM

 

siamo pertanto lieti di invitarvi  alla presentazione del

progetto Zer0Magazine 2018
venerdì 15 dicembre ore 17 presso 
Palazzetto Borghese, aula consiliare 

 

 

 


Libellula è chi Libellula fa … 

9 maggio 2017: protocollo di intesa con FORMEBREVI

FBDavvero molto lieti di annunciare la ratifica del PROTOCOLLO DI INTESA tra l’Associazione Culturale Libellula e L’Associazione FORMEBREVI avvenuto martedì 9 maggio a Caltanissetta. La nostra intesa con FORMEBREVI si propone di rafforzare la collaborazione oltre che attraverso la produzione editoriale già attivata con Zer0Magazine, anche attraverso la creazione di un gruppo di lavoro che avrà i seguenti obiettivi:

fl

1. collaborazione alla realizzazione di iniziative di interesse comune, nel rispetto degli scopi statutari di ciascuna associazione, allo scopo di diffondere nel territorio italiano azioni di formazione e sensibilizzazione incentrate sul tema della comunicazione;

2. collaborazione alla realizzazione del progetto zer0magazine, pubblicazione aperiodica nella quale verranno analizzate le nuove forme della comunicazione ed il loro impatto sociale, tenendo conto del mutamento che caratterizza i comportamenti sociali e relazionali, specie nelle giovani generazioni; Zer0magazine è una proposta di dialogo rivolta non soltanto ai giovanissimi nell’ambito della comunicazione;

3. promozione dell’impegno finalizzato alla diffusione della cultura poetica e della ricerca letteraria;

4. impegno comune per l’attuazione di programmi e progetti concordati e patrocinio di iniziative convergenti;

5. presenza nelle iniziative istituzionali promosse da entrambe le associazioni concernenti la promozione della cultura poetica e della ricerca letteraria.

Annina tragicomica al Centro Libellula!

at_cover_3D

Collana: Prosa | ISBN: 9788894161922
Pagine: € 11 Euro
Formebrevi Edizioni: formebrevi.it

ORDINI: formebrevi@gmail.com . c.libellula.m@gmail.com
UFFICIO STAMPA 06.98267808/ 333.2045759

Annina dal 9 maggio 2017 vi raggiungerà ovunque!

La tragicommedia è un tipo di componimento nel quale a vicende gravi e dolorose proprie della tragedia fanno contrasto spunti e procedimenti propri della commedia. Tale mescolanza genera spesso dei risultati sorprendenti sia dal punto di vista narrativo che da quello linguistico. Si inquadra in questa modalità Annina tragicomica, terzo libro di poesia di Viviana Scarinci autrice tanto poliedrica quanto anticonvenzionale. Nella poesia contenuta in questo suo ultimo libro Scarinci vede una sorta di rivendicazione sui generis “la poesia può rivendicare il diritto di ognuno ad ascoltare parole diverse da quelle che si aspetta”. Anna, in questa tragicommedia che si situa tra prosa e poesia, è l’altra da sé, in ogni caso un’identità femminile “in febbrile attesa di tutte le parole che non sono state ancora pensate” per definirla. “Parole che vengono dal basso, dall’esperienza che di primo acchito è sempre muta, piuttosto che dall’alto, di uno scopo o da un sapere che sa già il fatto suo perché codificato in modo ineludibile» scrive Scarinci nella postfazione.
Come afferma Anna Maria Curci nell’introduzione a questo libro: “Annina si oppone alla rinuncia e al soffocamento, alla menzogna travestita con gale e merletti, al trafugare, per distruggerli, i reperti. Sta, imperterrita eppure consapevole del rischio fatale, «molto vicino al bordo», fruga, un po’ Antigone e pur sempre Anna (sorella Anna?) tra «queste alture brulle» e intanto pensa «dovrebbe cercare tra il cocciopesto, i destinatari di questa maledizione». Possiede, la sua ricerca, un fondo e un fondamento prezioso, trascurato da molti: «Fremono gli oggetti spiati, sotto l’universo che li ignora.» e, aggiungo io, se la ridono di qualsiasi catalogazione, ché etichettarli come “versi” o “prosa”, come argomenta Viviana Scarinci nella sua Postfazione, è anch’essa manovra fuorviante”. Quelli di Scarinci sono versi che denunciando il loro continuo legame con la prosa e con la componente saggistica che ha sempre contraddistinto la scrittura di questa autrice, raccontano da capo più di una vecchia storia ma cercando parole nuove per dirla.

L’autrice

cropped-2.jpg

Viviana Scarinci (1973) Vince nel 1995 il Premio Grinzane Cavour, per la sezione Scrivere i Colori. È due volte vincitrice del Premio Lorenzo Montano (nel 2014 sez. raccolta inedita e nel 2016 sez. una poesia inedita). È autrice di poesia con La favola di Lilith (ARK Records, 2013) e Piccole estensioni (Anterem, 2014). Curatrice de L’isola di Kesselring (Apeiron, 2002) e dell’edizione italiana di Rakasta minut vahvaksi, Amami per rendermi forte di Aino Suhola (Iguana Editrice, 2013). Per la saggistica è autrice di un ebook monografico su Elena Ferrante (Doppiozero, 2014). Suoi testi sono presenti in numerose antologie. Ha scritto tra gli altri per Nuovi Argomenti, Nazione Indiana, Leggendaria, Doppiozero, Il Segnale, L’Ulisse. Si occupa del fondo librario di poesia di Morlupo. E’ co-redattrice di Formebrevi Edizioni. Gestisce il Centro Culturale Libellula.


Critica e recensioni

«A questa scrittura, senza dubbio, non è estraneo il carattere enigmatico, ma simile aspetto, lungi dal costituire una sorta di misteriosa dimensione esterna, quasi aggiunta, è il cardine attorno al quale ruota un vivido divenire linguistico che, non rifiutando del tutto il nesso logico, considera tale nesso una semplice possibilità del dire.»
Marco Furia su Amanda fiore o tartaruga

«Ma la consapevolezza di pensare una parola vivente, una voce esistenziale, si trova
proprio lì dove sembra concludersi la prospettiva dispersa di un sapere. Invece, così
ingarbugliato in ciò che si è (salda alla luce che orizzonta) o si vorrebbe essere (un segno che fermi la terra), un’oscillazione continua mantiene paradossalmente l’equilibrio e a ogni sbando rimanda a un’instabilità costante fra resistere e restare, in una situazione che è luogo di necessità e volontà»
Giorgio Bonacini su Piccole estensioni

«Come insegna Ida Travi, in Poetica del basso continuo, poeta che accosto a questo esito poetico di Viviana Scarinci, scrivere poesia oggi è cercare un varco continuo, non una verità ma una delle verità possibili fra noi e “lo spiazzo millenario nel quale irrompono le civiltà che forse dormono”.
Loredana Magazzeni su La favola di Lilith

La copertina

La copertina di Annina tragicomica è di Klaudia Ka. Nata nel 1984 a Varsavia, dove vive e lavora,  oltre alla pittura, si occupa anche di graphic designer. I suoi quadri si trovano in collezioni private in Polonia, Regno Unito, Belgio, Germania, Italia, Macedonia, Canada e Stati Uniti. Il suo sito web è: http://klaudiaka.art.pl

Impegnati nella promozione della lettura

Libellula risulta tra i soggetti selezionati da Biblioteche di Roma nell’ambito delle associazioni impegnate nella promozione della lettura. ‘Il giorno 21 giugno 2016 sono terminati i lavori della Commissione nominata per la valutazione delle 526 domande pervenute a seguito dell’ “AVVISO PUBBBLICO per l’istituzione del nuovo Registro delle associazioni culturali, delle cooperative culturali e dei singoli soggetti operanti in campo culturale di Roma Capitale – Istituzione Sistema delle Biblioteche Centri Culturali. L’Istituzione Sistema Biblioteche Centri Culturali con la costituzione di tale Registro ha voluto dotarsi di uno strumento che da una parte funzioni come mappa qualificata delle Associazioni e delle Cooperative Culturali e dei singoli soggetti attivi in campo culturale ma che, soprattutto garantisca meccanismi oggettivi, trasparenti e imparziali per l’affidamento di attività e incarichi per la realizzazione di iniziative negli spazi delle biblioteche di Roma.”http://www.comune.roma.it/pcr/it/newsview.page?contentId=NEW1126844

LibellulaNews Aprile

Eventi di questo mese: domenica 24 aprile ore 11,00 presso l’Ostello Porta di Veio (L.go Giovanni Paolo Secondo già Via Campagnanese n. 3 Morlupo) presentazione del progetto, Morlupo Città della Poesia, da aprile a dicembre 2016. Maggiori informazioni  https://morlupocittadellapoesia.com/2016/04/19/ostello-porta-di-veio-prima-presentazione-mcp-2016/


Al via Morlupo Città della Poesia: Quest’anno Morlupo Città della Poesia 2016 grazie al Comune di Morlupo, a Strade – Sindacato Traduttori Editoriali, all’Istituto Comprensivo “G. Falcone e P. Borsellino” di Morlupo e al DSM – Dipartimento Salute Mentale della ASL Roma F sede del CSM F4 diventa un progetto culturale e sociale che si rivolge a una comunità ancora piu vasta. Sei eventi pubblici nel centro storico cittadino e tre laboratori sperimentali di scrittura, lettura e ascolto in tre luoghi cruciali del territorio: la scuola, la struttura sanitaria pubblica locale e il centro comunale anziani. Infine il Premio Letterario rivolto alla poesia tradotta, alla poesia edita e ai cittadini coinvolti nei laboratori. Per saperne di più https://morlupocittadellapoesia.com/2016/03/29/al-via-ledizione-2016/


Bando della Premio Letterario 2016: L’Associazione Culturale Libellula indice la seconda edizione del Premio Letterario Nazionale Morlupo Città della Poesia 2016. Con il Patrocinio e il contributo del Comune di Morlupo e di Strade – Sindacato Traduttori Editoriali e la partecipazione dell’Istituto Comprensivo “G. Falcone e P. Borsellino” di Morlupo e del Dipartimento Salute Mentale della ASL RM4 Non è prevista tassa di iscrizione. Il bando integrale https://morlupocittadellapoesia.com/2016/04/05/bando-della-premio-letterario-2016/


Libellula per chi studia: Inglese per adulti e bambini. Corsi individuali, collettivi in mini gruppi e tramite acquisto pacchetti di ore, ideati secondo le esigenze del singolo. I corsi di inglese possono includere anche la preparazione per esami Cambridge PET and FCE. Assistenza studenti (primaria di primo e secondo grado e scuole secondarie) nella materie letterarie e scientifiche (matematica, fisica, chimica, chimica organica, biochimica, biologia, microbiologia). Corso di Metodologia di studio: finalità, insegnare ai ragazzi ad utilizzare un metodo di studio personalizzato a partire dalle caratteristiche individuali di ciascuno. https://centrolibellulamorlupo.com/2016/01/11/libellula-per-chi-studia/


Entra a far parte della rete. Con Morlupo Città della Poesia e in poco più di tre anni di attività, abbiamo raggiunto molti dei nostri fini statutari anche attraverso la partnership con Istituzioni come il Comune di Morlupo, il Sindacato Traduttori Editoriali, il Servizio Sanitario Nazionale rappresentato dalla ASL di zona e l’Istituto Comprensivo di Morlupo che si sono unite in una vera e propria sinergia con le realtà territoriali che stanno sostenendo la nostra iniziativa. Per saperne di più https://centrolibellulamorlupo.com/2016/04/13/su-libellula/

8 giugno, Wave Gotik Treffen 2014 – The Tale of Lilith

The Tale of Lilith – La Favola di Lilith

a piece of music in two acts – un’opera in due atti

di Edo Notarloberti e Viviana Scarinci

anteprima europea

the Wave Gotik Treffen 2014

8 giugno Lipsia, Germania

“In questo caso, 32 tracce legate senza soluzione di continuità, il percorso è piuttosto diverso perché si tratta di una reale connessione di due universi; dove il fatto che non ci sia la classica forma canzone, sia pure “diversa”, finisce per dar risalto al ritmo che connette profondamente musica e parole, in grado di esplorare Lilith non come donna del mito (quella prima di Eva) ma come aggancio alla contemporaneità” SUONO, maggio 2014, da una recensione di Guido Bellachioma.

Domenica 8 giugno La Favola di Lilith sarà rappresentata in anteprima europea in Germania a Lipsia, Schauspielhaus, alle ore 19,30, nell’ambito del Wave Gotik Treffen. L’opera è stata rappresentata in anteprima italiana, sabato 24 maggio presso la Biblioteca di Villa Bruno, a San Giorgio a Cremano (NA), col patrocinio dei comuni di San Giorgio e di Morlupo (RM), a cura dell’Associazione Progetto San Giorgio e del Fondo Librario di Poesia Contemporanea di Morlupo.

Il Festival

Il Wave Gotik Treffen di Lipsia è il più grande Festival del mondo dedicato alla musica gotica e alla cultura “dark”. Questo evento ha luogo ogni anno e dura 4 giorni, quest’anno dal 7 al 9 giugno 2014 e accoglie ospiti da tutto il mondo per assistere a centinaia di concerti, esibizioni, eventi culturali. Lipsia, famosa per la sua storia ricca di personaggi importanti legati al mondo della musica quali Richard Wagner, Johann Sebastian Bach e Jakob Ludwig Felix Mendelssohn, si rivela aperta alle novità: musicisti e interpreti da tutto il mondo si esibiscono in una città che per l’occasione ogni anno accoglie circa trentamila visitatori.

L’opera

La Favola di Lilith è un concerto, un CD (edito dall’etichetta discografica ARK Records), un libro di poesia in versione bilingue ed è rappresentata da una compagine formata da: quartetto d’archi (Caterina Bianco, Angela Musco, Irene Vanacore, Leonardo Massa), pianoforte (Martina Mollo) e voce recitante e autrice (Viviana Scarinci) sotto la direzione del compositore Edo Notarloberti, per esprimere l’incontro di due linguaggi artistici diversi e insieme profondamente affini come quelli della musica e della poesia.

La figura di Lilith

Lilith è un personaggio della mitologia ebraica e prima ancora di quella babilonese. È un diavolo femmina ma risulta anche essere la donna esistita prima di Eva, colei che fu creata spaccando in due la prima creatura umana che era duplice, come Ermafrodito. La Favola di Lilith tuttavia non nasce dall’intento artistico di mettere in scena la rielaborazione narrativa di una storia nota ma da una riflessione che vuole accomunarsi all’attualità, attraverso gli strumenti della musica e della poesia contemporanea. Notizie recenti di cronaca continuano a mostrarci le conseguenze della subalternità delle donne nell’immaginario collettivo, nonostante i grandi progressi che si sono compiuti negli ultimi secoli. Per questa ragione quest’opera è estremamente attuale nel richiamare un mito arcaico ed una realtà apparentemente così lontana ma che invece è utile ora più che mai proporre a un pubblico quanto più vasto.

Autori

La Favola di Lilith segna un vero e proprio esordio per Edo Notarloberti e Viviana Scarinci. Notarloberti inizia precocemente l’attività concertistica nella musica classica e parallelamente suona dal rock al blues. È in questo ambito che si colloca l’incontro con Corrado Videtta degli Argine che schiude al violinista lo scenario della musica post punk, neo folk e gotica dove Notarloberti prosegue come membro dei gruppi Ashram e Corde Oblique. Ma è La Favola di Lilith che mostra a pieno le doti artistiche che lo contraddistinguono oltre che come virtuoso del violino come compositore di straordinaria sensibilità. Viviana Scarinci è promotrice del Fondo Librario di Poesia di Morlupo (RM). Fa parte della SIL – Società Italiana delle Letterate. È curatrice per l’Iguana editrice dell’edizione italiana del libro di poesia di Aino Suhola Amami per rendermi forte.

video dell’anteprima https://www.youtube.com/watch?v=xeYHcae3Buo

prenotazioni e info: http://www.wave-gotik-treffen.de/

sito http://lafavoladililith.wordpress.com/
pagina facebook https://www.facebook.com/lafavoladililith

evento su facebook https://www.facebook.com/events/1496356603911490/

 

Tutta la passione che c’è

Sul sito del Centro Libellula finalmente la lista della prima parte dei libri acquisiti del Fondo Librario di Poesia di Morlupo … Grazie all’impegno dei soci volontari siamo ora in grado di rendere disponibile online la prima parte dei titoli di poesia acquisiti in oltre due anni di attività del Fondo Librario (https://libellulamorlupo.wordpress.com/2014/04/24/fl-morlupo-file-dei-libri-inseriti-per-autore-al-20-aprile-2014/). Infatti dal 30 settembre 2012, data in cui è stato inaugurato il fondo librario presso il Centro Libellula di Morlupo  a oggi l’attività di raccolta, di divulgazione e di produzione dei contenuti legati alla poesia è continuata incessantemente. Nel dicembre 2013 grazie alla collaborazione tra il fondo e L’Iguana Editrice è stato pubblicato  “Amami per rendermi forte/Rakasta minut vahvaksi” della poetessa finlandese Aino Suhola (http://amamiperrendermiforte.wordpress.com/). Nell’aprile 2014 il fondo librario si è impegnato con l’etichetta discografica ARK Records nella produzione, diffusione e promozione de “La Favola di Lilith” (http://lafavoladililith.wordpress.com/). Non un biblioteca né un contenitore di libri quindi, ma un luogo vivo dove i soci e i frequentatori hanno potuto e potranno lasciare traccia di una loro collaborazione con il fondo librario anche dal punto di vista professionale. Inoltre è IMPORTANTE SAPERE che … ogni primo lunedì del mese alle 18,00 il circolo dei lettori di poesia si riuniscono per leggere i testi di un poeta i cui scritti sono conservati presso il Centro. L’ingresso a questo incontro è sempre libero.