poeti dal fondo

Qualcosa sul fondo librario di Morlupo

Di ogni libro custodito nel fondo librario di poesia di Morlupo bisognerebbe raccontare anche la storia che lo ha condotto a farne parte. Le relazioni, le occasioni, le generosità o l’ingenerosità che pure quella in molti casi è stata tanto significativa. Si è trattato quasi sempre di un fatto un po’ al di fuori della normalità cioè diverso dall’andarsi a comprare un libro o di riceverlo per recensione. Però comunque un piccolo fatto attraverso il quale quel libro, donato, chiesto, a volte pagato cinque volte il prezzo di copertina, è esistito di più per un numero sempre esiguo di persone, ma pur sempre di più e con più forza. Il fondo librario di poesia di Morlupo non aspira alla completezza e quello che c’è, è qualcosa di incatalogabile ormai, se non scrivendo una per una le piccole storie che quei libri, arrivando a farne parte, hanno generato intorno a sé. Ieri ad esempio è stata una giornata in cui sono arrivati diversi esemplari di questo particolare raccordo che si è concretizzato da sé come un apparato con vita propria che trae il suo movimento da un sistema soprattutto relazionale e interpersonale virtuoso che la nostra associazione negli anni è riuscita a creare con coloro che sono scrittori e lettori allo stesso modo, impegnati come noi in uno scambio che prevede soprattutto la fiducia in un ascolto e in una lettura reciproca.

Ieri con gioia, dalle sue mani abbiamo ricevuto da Anna Maria Curci che ne è la prefatrice (tutti edizione Cofine):

cofine.jpg

Francesca Del Moro, La statura della palma

Gian Piero Stefanoni, Lunamajella

Poeti nelle lingue del mondo a Roma, a cura di Giuseppe Massara, una valorosa piccola antologia in cui autori non italiani residenti a Roma scrivono nella loro lingua e si traducono in italiano.

Via posta sono invece arrivati da Patrizia Sardisco che ne è l’autrice mentre curatrice di entrambi è Anna Maria Curci:

sardisco

Autism Spectrum, Arcipelago Itaca
Eu-nuca, Cofine

Siamo molto contenti che alla luce dei fatti il fondo librario funzioni come abbia sempre funzionato sulla base di un riconoscimento comune che conferma il senso profondo di una iniziativa come la nostra.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...