Radici e comunità: Pro Loco Morlupo

A seguito dei molti contributi proposti per la pubblicazione su Zer0Magazine 2018 abbiamo pensato di dedicare sul nostro sito uno spazio apposito intitolato Morlupo: storia, natura, comunità. Perciò proponiamo oggi  un interessante articolo di Selena Bettelli (presidente Pro Loco) che tracciando la storia della Pro Loco di Morlupo, dal dopoguerra a giorni nostri, ci racconta della comunità che siamo stati e che ancora siamo. L’auspicio è che non vada disperso tutto il fervore partecipativo che ha suscitato il progetto Zer0Magazine 2018, dando continuità a un necessario racconto delle nostre origini e dei nostri luoghi.

di Selena Bettelli

Da Giacomo Gino Sdoja ai giorni nostri una tradizione di amore e promozione dell’aggregazione sociale e dell’economia del territorio.

Selena Bettelli
L’associazione Pro Loco inizia ad operare a Morlupo nel 1954 circa. All’epoca Morlupo era un paese che ancora accusava il peso della guerra, con un’economia prettamente agricola e con qualche problema sanitario. Ancora non era presente l’attuale acquedotto e le strade mancavano di illuminazione. A causa della crisi vinicola, si stava passando ad un’economia basata sul commercio ma questa stentava a partire. In questo clima, per il risanamento e lo sviluppo di Morlupo, Giacomo Gino Sdoja ed i suoi amici decisero di creare un primo Comitato operativo denominato Pro Morlupo. Avevano capito che l’organizzazione di eventi e la propaganda sui giornali di iniziative culturali da svolgersi a Morlupo erano fondamentali per lo sviluppo del paese. Il primo ferragosto morlupese ebbe infatti grande successo. Inizia così l’avventura di Gino Sdoja, giornalista e corrispondente locale, che crea questo gruppo di volontari, legati dall’amore per Morlupo. Con il suo lavoro nel frattempo, scrivendo su “Il Tempo”, crea il mito di Morlupo e rende famoso il paese. La Pro Morlupo comincia ad organizzare mostre estemporanee di pittura, concorsi, feste patronali, giornate ecologiche. Tutte le iniziative hanno successo, con buona affluenza di turisti e incremento dei guadagni dei commercianti locali. Il comitato Pro Morlupo si trasforma piano piano in Associazione Pro Loco Morlupo, fino ad ufficializzare la nascita dell’associazione con atto notarile, del 28 dicembre 1970. Viene nominato Presidente Giacomo Gino Sdoja e lo rimarrà fino al 1980. La Pro Loco di Morlupo fu la  prima associazione costituitasi nella zona Cassia-Flaminia-Tiberina. Essa da sempre collabora attivamente con il Comune e con le altre associazioni per lo sviluppo e la promozione del paese. Negli anni antecedenti alla seconda guerra mondiale a Morlupo si celebrava la “Festa del vino”. Purtroppo la produzione vinicola non era più quella di un tempo, ma occorreva comunque ricreare un evento simile, di grande richiamo. Per questo nel 1967, per valorizzare la produzione locale di salsicce e salumi, la Pro Loco di Morlupo iniziò ad organizzare la Sagra della Salsiccia. Il format della festa prevedeva, già dalle prime edizioni, la vendita di panini preparati con le salsicce cotte a legna sulla grande griglia centrale e la distribuzione di vino. La grande griglia fu ideata e disegnata direttamente da Gino Sdoja e realizzata dagli artigiani locali. La Sagra della Salsiccia ebbe da subito un successo oltre ogni previsione. Continua ad essere l’evento principale di Morlupo e della Pro Loco, organizzata sempre nell’ultimo fine settimana di ottobre. Per i più curiosi vi diciamo che durante ogni sagra vengono impiegati tra i 10 ed i 12 quintali di salsicce e sono circa 100 i volontari che lavorano durante la festa. Quest’anno si celebrerà la 50esima edizione. I lettori più attenti noteranno che una delle edizioni è saltata. L’associazione Pro Loco ha continuato ad operare e crescere anche dopo la morte di Gino Sdoja, con  nuovi presidenti e con nuove idee, ma sempre con gli stessi principi ispiratori fra cui l’amore per Morlupo. La Pro Loco organizza e supporta sia iniziative laiche che religiose: feste patronali, sagre e feste, via crucis, presepe vivente, Natale morlupese, Ferragosto morlupese, mostre, visite culturali, giochi, manifestazioni sportive, iniziative ambientali, lotterie. Dal 2016 alla Sagra della Salsiccia si è pensato di affiancare un’altra manifestazione di grosso richiamo, meno tradizionale, pensata per un target di giovani: la Festa della Birra. Quest’anno a luglio organizzeremo la terza edizione. Valorizzare Morlupo non significa soltanto fare feste. Per questo i soci si sono adoperati in varie iniziative di solidarietà: raccolte fondi e cene pro-terremotati, supporto ad iniziative di raccolta fondi di AISM e UNICEF, collaborazione con comitati per bambini Shaarawi, collaborazioni con le Parrocchie e la Caritas. Le fasi organizzative di ogni manifestazione richiedono un notevole impegno. Dietro c’è un lavoro di alcuni mesi, che viene comunque svolto con passione e dedizione dal direttivo e dai vari collaboratori, ma la vera forza della Proloco sono i volontari che si impegnano attivamente durante la realizzazione degli eventi. Essi sono il vero patrimonio dell’associazione, senza i quali nulla sarebbe possibile realizzare. Ad ogni manifestazione questo enorme gruppo di amici (oltre 100) fatica per il paese, lavorando in allegria ed armonia. Non ultimi, vanno ringraziati gli sponsor che supportano concretamente ogni iniziativa. L’associazione procede dritta, avanti, ancora con lo slancio che diede il fondatore Gino Sdoja, verso nuovi traguardi. Per informazioni: www.prolocomorlupo.it
info@prolocomorlupo.it  https://www.facebook.com/prolocomorlupo2015/

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...